LA GUIDA dei CUSTODI DEL TERRITORIO

IL MANIFESTO DEL CUSTODE

Si dice che tra le professioni in via d’estinzione a causa dello sviluppo tecnologico vi sia quella dell’agricoltore, figura che verrà sostituita da sofisticati macchinari o da droni intelligenti che si occuperanno della raccolta stagionale e massificata dei prodotti della terra al posto dei lenti e fallaci esseri umani. Pura fantascienza? Basti pensare che, secondo Confagricoltura, le piccole stalle nelle Dolomiti Bellunesi sono diminuite del 31% negli ultimi 10 anni, una perdita pari a 182 allevamenti locali. 
Il “piccolo è bello”, è un concetto oramai passato di moda nell’epoca moderna. Testimonianza ne sono i piccoli borghi d’Italia e, salvo particolari eccezioni, i piccoli borghi Alpini e Dolomitici: anch’essi dimenticati dalla globalizzazione, anch’essi in via d’estinzione. Ciò significa che le zone rurali nella maggior parte d’Europa, e non solo, sempre maggiormente vengono abbandonate per la mancanza di servizi e di prospettive.
Ci avevano raccontato che la globalizzazione ci avrebbe reso più ricchi, più felici e più liberi, ed in parte è così; per chi vive nel cosiddetto “Occidente”, abbiamo il privilegio di vivere in uno dei periodi di pace più lunghi e prosperi della Storia. Ma nessuno ci aveva detto che saremmo stati più poveri di prima nella coltivazione delle diversità e nel contatto con Madre Terra. Siamo più ricchi in denaro ma più poveri in rapporti umani e, in molti casi, schiavi di un lavoro “omologato” nel quale non ci sentiamo identificati come persone, ma che ci permette di sopravvivere. La modernità ci ha fatto perdere usi, tradizioni, mestieri, colture antiche, biodiversità e la capacità di sporcarci le mani con la terra.
Se volessimo poi parlare di equità, dovremmo anche rammentare che secondo un Rapporto Oxfam del 2018, otto uomini (meno dell’1% della popolazione mondiale) possiedono la stessa ricchezza di 3,6 miliardi di persone (pari al 99% della stessa); l’accumulo di risorse in mano ad una stretta cerchia di multinazionali, in molti casi alimentari, e di lobby economiche, determina un altro punto a sfavore in termini di redistribuzione locale e territoriale della ricchezza.
Aggiungiamo a tutto ciò anche i cambiamenti climatici in atto, dei quali recentemente abbiamo visto gli effetti devastanti, che ci impongono un’ulteriore riflessione sul nostro futuro e su quello del pianeta che ci ospita.
Ecco perchè in assenza di una seria ed efficace politica di aiuto alle cosiddette “terre alte”, la speranza di un’inversione di rotta arriva dai piccoli agricoltori, i veri custodi del territorio.
Ecco 3 buone ragioni per cui quindi è importante sostenerli:
  1. Preservano la biodiversità e migliorano la qualità dell’ambiente, incoraggiano la conservazione del patrimonio biologico, genetico e culturale delle aree di montagna, lo sviluppo delle conoscenze tradizionali e dell’identità locale, nonché la cura del bosco e del paesaggio. Il costante avanzare dei boschi, infatti, comporta un aumento del costo pubblico per il mantenimento del territorio;
  2. L’integrazione di una produzione agricola in un’economia locale è un fattore di successo per lo sviluppo delle piccole comunità, della loro ricchezza e del turismo in generale;
  3.  I prodotti di qualità nelle aree montane sono unici e non riproducibili, in particolare grazie a razze o varietà specifiche e/o del know-how tradizionale, esclusivo di un’area produttiva ben circoscritta e di un ecosistema ancora totalmente incontaminato. In tale senso si tratta di prodotti qualitativamente e tecnicamente superiori, anche sotto il profilo gustativo e organolettico.

LA CONSAPEVOLEZZA COME ARMA DI COSTRUZIONE DI MASSA...

LA RAI DICE DI NOI...

"Una vera guida, una vera e propria mappa del tesoro alla ricerca di tante piccole perle preziose"
Sveva Sagramola
Conduttrice di Geo&Geo

SFOGLIAMI...

La guida sostenibile del TURISTA CONSAPEVOLE
- Versione DELUXE -

Più di un anno di lavoro di decine di persone, composta da 238 pagine in pregiata carta traslucida e magnifiche foto a colori, formato A5 contiene:

  • Introduzione alle Dolomiti bellunesi, “Un paradiso ancora indomito e incontaminato
  • Profilo ed intervista di 45 aziende agricole biologiche o sostenibili Bellunesi, completa di indirizzo, servizi offerti e rispettivi contatti
  • 45 passeggiate alternative da poter svolgere in famiglia, una per ogni azienda agricola, a cura di Katia Tormen. Sono stati privilegiati tracciati alternativi al turismo di massa e tendenzialmente poco conosciuti, tutti pensati per creare delle gite giornaliere con tappa presso le aziende
  • Articolo “L’agricoltura sostenibile in provincia di Belluno” a cura di Simona Zollet
  • Articolo “Produzioni locali e biologiche: il vantaggio nutrizionale nascosto” a cura della nutrizionista Gioia Dalla Gasperina
  • Articolo “Le parlate delle Dolomiti” a cura della linguista Beatrice Colcuc
  • Articolo “Cambiamenti climatici e impatti sui territori montani” a cura di Luca Mercalli
  • Articolo “Appunti per chi si occupa di sviluppo locale” a cura del paesologo Franco Arminio
  • Approfondimento “Ricordi di un tempo” sulla cultura agricola Dolomitica di un tempo
  • 14 ricette locali Dolomitiche, da preparare ovviamente con i prodotti delle aziende agricole del posto
  • 10 ricette Dolomitiche in chiave vegana a cura di Elena Da Re

È veramente un sacco di contenuto interessantissimo! Il prezzo della versione completa della guida è di 24,90 euro + 3,90 euro per il servizio di spedizione TRACCIATA

Acquista 1 copia versione DELUXE

a 28,80 € spedizione inclusa

Acquista 2 copie versione DELUXE

48,70 € al 10% di sconto
spedizione inclusa

Acquista 4 copie versione DELUXE

83,60 € al 20% di sconto
spedizione inclusa

Acquista 3 copie versione DELUXE

67,40 € al 15% di sconto
spedizione inclusa

Acquista 5 copie versione DELUXE

91,05 € al 30% di sconto
spedizione inclusa

La guida sostenibile del TURISTA CONSAPEVOLE
- Versione RIDOTTA -

Più di un anno di lavoro di decine di persone, composta da 126 pagine in pregiata carta traslucida e magnifiche foto a colori, formato A5 contiene:

  • Introduzione alle Dolomiti bellunesi, “Un paradiso ancora indomito e incontaminato
  • Profilo ed intervista di 45 aziende agricole biologiche o sostenibili Bellunesi, completa di indirizzo, servizi offerti e rispettivi contatti
  • Articolo “L’agricoltura sostenibile in provincia di Belluno” a cura di Simona Zollet
  • Articolo “Produzioni locali e biologiche: il vantaggio nutrizionale nascosto” a cura della nutrizionista Gioia Dalla Gasperina

È veramente un sacco di contenuto interessantissimo! Il prezzo della versione completa della guida è di 14,90 euro + 3,90 euro per il servizio di spedizione TRACCIATA

Acquista 1 copia versione BASE

a 18,80 € spedizione inclusa

Acquista 2 copie versione BASE

30,70 € al 10% di sconto
spedizione inclusa

Acquista 4 copie versione BASE

51,60 € al 20% di sconto
spedizione inclusa

Acquista 3 copie versione BASE

41,90 € al 15% di sconto
spedizione inclusa

Acquista 5 copie versione BASE

56,05 € al 30% di sconto
spedizione inclusa

SERVIZIO SPEDIZIONE

Il nostro servizio spedizioni è gestito da un corriere privato di professionisti  e garantisce un efficiente servizio clienti, spedizione tracciata in tutta Italia e consegna garantita in 3-5 giorni lavorativi (esclusi quindi i festivi). Ordinare online e ricevere a casa così è facile!

PAGAMENTO ONLINE SICURO

Pagamento online tramite PayPal, il metodo più semplice, piu sicuro e accettato da milioni di negozi online.

Noi hai un conto PayPal? Nessun problema! PayPal consente di effettuare pagamenti anche tramite carta di credito o carta prepagata a tutti gli utenti che non sono ancora in possesso di un account:

  1. Clicca sul pulsante per effettuare la transazione e quando si apre la pagina di PayPal seleziona la voce “Crea un conto PayPal” (oppure “Non hai un conto PayPal?”) che si trova in fondo a destra.
  2. Compila quindi il modulo che ti viene proposto, immettendo in esso i dati della carta di credito/prepagata con la quale vuoi eseguire il pagamento.
  3. Dopo il pagamento, esci semplicemente dalla pagina senza espandere e compilare il campo “Salva i tuoi dati su PayPal” che si trova in fondo al modulo.