Sono custode perché

Tiziano Fantinel – Coltivare Condividendo

Sono nato a Feltre il 25 febbraio del 1967. Ho frequentato la scuola agraria a Feltre e poi una serie di corsi di specializzazione in italiea e all’estero. Gestisco un vivaio biologico dedito soprattutto alla coltivazione di piante ottenute da semente antica e riproducibile. Faccio parte di alcune associazioni per la difesa della biodiversità e del coltivare sano

Come è nato il tuo impegno?

Grazie alla passione e all’amore per la mia terra e per i suoi frutti, ma anche perché mi sono reso conto che troppi cosidetti “modelli di sviluppo” stanno devastando terra, ambiente, paesaggio e salute.

Come lo hai strutturato e come si differenzia dalle altre offerte del settore?

Puntanto sulla salubrità, biodiversità e sulla tracciabilità. Ho rifiutato la chimica di sintesi i semi modificati e gli ormoni stimolanti.

Quali sono le maggiori difficoltà che incontri in questo percorso?

Difficoltà burocratiche, di accesso a finanziamenti (che ci sono) e, a volte, a far conoscere il mio lavoro

Quali invece le più grandi soddisfazioni?

L’apprezzamento da parte dei clienti, l’entusiasmo dei bambini, salvare varietà altrimenti scomparse e sperimentarne altre adatte al nostro territorio.

Quali sono le prospettive e quali gli obiettivi che ti poni oggi?

Far vivere la biodiversità, fornire cibo sano, prodotti sani e condividere semi, conoscenze, saperi ed entusiasmo.

Ti senti un custode del tuo territorio? Perché?

Perchè penso di tutelare, far conoscere, salvare, diffondere tipicità di questa terra che altrimenti sarebbero scomparse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *